Inquadramento nel lavoro

D. Il superiore inquadramento si ottiene un po’ per volta? R. No! Per la sussistenza della frequenza e sistematicità di reiterate assegnazioni di un dipendente allo svolgimento di mansioni superiori, il cui cumulo sia utile all’acquisizione del diritto alla promozione automatica ex art. 2103 c.c., non è sufficiente la mera ripetizione delle assegnazioni, risultando invece
+ Per saperne di più

Affidamento in prova al servizio sociale

D. L’affidamento in prova al servizio sociale dopo lo svuota carceri: problemi di tenuta costituzionale dell’affidamento allargato? R. La novella legislativa del c.d. svuota carceri (d.l. n 146/2013, convertito, con modificazioni, nella legge n. 10/2014), nell’affrontare sul piano sistematico il problema del sovraffollamento carcerario (divenuto cronico tanto da costringere la Corte europea dei diritti umani
+ Per saperne di più

Sequestro

D. Per sequestrare non basta il semplice dedurre che “quel bene non possa appartenere al terzo”? R. Occorre, invece, la prova positiva della disponibilità del bene in capo all’indagato. La Cassazione si fa severa. Nessuna inversione dell’onere probatorio è consentita. (Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 36530/15; depositata il 10 settembre) NON HAI
+ Per saperne di più

Stato di inoccupazione e invalidità civile

D. Prova dello stato di inoccupazione: l’autocertificazione basta? R. No! In tema di invalidità civile, la prova del requisito del mancato svolgimento di attività lavorativa deve essere fornita in giudizio dall’invalido: tale prova non può essere fornita mediante una mera dichiarazione dell’interessato, anche se rilasciata con le formalità previste dalla legge per le autocertificazioni. (Corte
+ Per saperne di più

Detenzione domiciliare

D. La madre lavora ? La detenzione domiciliare per il padre è automatica? R. No! In tema di detenzione domiciliare, l’attività lavorativa della madre di prole infradecenne non determina, di per sé, quella assoluta impossibilità di accudire la prole che giustifica la concessione della detenzione domiciliare in favore del padre. L’esistenza di un impedimento assoluto
+ Per saperne di più

Assicurazione

D. I furbetti del tagliandino favoriti dalla burocrazia inconcludente? R. Si! Per incomprensibili cavilli burocratici non esistono ancora vigili elettronici specificamente omologati esclusivamente per il controllo della mancata copertura assicurativa dei veicoli. Ma le multe restano in agguato per chi incorre in un autovelox o in un varco elettronico senza assicurazione. Oppure per chi viene
+ Per saperne di più

Buonuscita e TFR

D. Buonuscita e TFR differiscono solo per il nome? R. No! La base contributiva su cui l’indennità di buonuscita deve essere commisurata non può includere emolumenti diversi da quelli espressamente menzionati dall’art. 38 del d.P.R. n. 1032/1973 – la cui elencazione ha carattere tassativo – o da leggi speciali, restando pertanto esclusa ogni possibilità di
+ Per saperne di più

Ricongiungimento familiare

D. Genitore straniero e diritto all’unità familiare: la Cassazione chiarisce i presupposti per l’autorizzazione a rimanere nel territorio nazionale? R. I gravi motivi connessi con lo sviluppo psicofisico del minore che si trova nel territorio italiano idonei a legittimare un provvedimento che autorizzi il familiare all’ingresso o alla permanenza nel territorio nazionale, ai sensi dell’art.
+ Per saperne di più

Alcoltest e farmaci

D. Farmaci capaci di alterare gli esiti dell’alcoltest: giustificazione fragile, automobilista condannato? R. Si! Uomo fermato dai carabinieri: l’etilometro ne certifica le condizioni psico-fisiche precarie. Condanna inevitabile, con patente sospesa. Inutile il richiamo dell’uomo alla relazione medica con cui si attesta che i fitofarmaci da lui assunti possono provocare un aumento del livello ematico di
+ Per saperne di più

Assente ingiustificato? licenziato

D. Assente ingiustificato: dipendente licenziato? R.La ‘guerra’ con l’azienda non rende il provvedimento esagerato Ben quindici i giorni in cui l’uomo è rimasto a casa, mentre doveva essere a lavoro. Evidente la violazione compiuta. Consequenziale, e legittima, la scelta dell’azienda di licenziare il dipendente. Irrilevante il richiamo ai conflitti, con ripercussioni anche giudiziarie, che hanno
+ Per saperne di più