Stalking e assunsione di prova decisiva

D. La “prova decisiva” in caso di prima condanna in appello R. La V Sezione prosegue una riflessione iniziata prima dell’estate dalle Sezioni Unite, precisando i limiti della riforma contra reo della decisione di prime cure, nell’ambito della pretesa mancata assunzione di una prova decisiva. (Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 50057/16; depositata
+ Per saperne di più

Diffamazione o semplice racconto

D. Raccontare una disavventura sessuale al bar è diffamazione? R. L’uomo ha condiviso con gli amici il singolare problema vissuto da una coppia. La protagonista femminile del racconto lo ha citato in giudizio. I giudici lo hanno ritenuto colpevole. (Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 50058/16; depositata il 24 novembre) NON HAI TROVATO
+ Per saperne di più

Sinistro stradale

D. Cosa accade quando a causare un sinistro stradale è un cittadino straniero? R. I responsabili stranieri di un sinistro stradale, causato in Italia da un veicolo con targa estera, sono ex lege domiciliati presso l’UCI solo ai fini della loro citazione in giudizio quali litisconsorti necessari rispetto alla domanda proposta contro detto ufficio. Qualora
+ Per saperne di più

Diritto bancario

D. Alluvione e cassette di sicurezza: vis cui resisti non potest? R. Se nonostante l’idoneità e la custodia dei locali, il contenuto della cassetta di sicurezza risulta danneggiato per una causa fortuita esterna e inevitabile, la banca non è in colpa e non è tenuta al risarcimento. In questi esatti termini si è espressa la
+ Per saperne di più

Licenziamento e vizio del fumo

D. Può essere licenziato chi viene beccato a fumare nello stabilimento? R. Nessuna giustificazione per l’operaio di un’azienda che produce mobili. Egli è stato scoperto con una sigaretta accesa, incurante non solo del divieto di fumo ma anche dei materiali infiammabili presenti. Evidente la grave situazione di pericolo creata. (Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza
+ Per saperne di più

Datore di lavoro e controllo sui dipendenti

Il datore di lavoro può controllare il lavoratore: fino a che punto? Il datore di lavoro ha il diritto di effettuare controlli mirati sui lavoratori (direttamente o attraverso la propria struttura), al fine di verificare il corretto utilizzo degli strumenti di lavoro – tra cui i p.c. aziendali – nel rispetto, tuttavia, della loro libertà
+ Per saperne di più

Cartella esattoriale

D. In caso di esecuzione esattoriale: la conversione del termine di prescrizione breve in quello ordinario si applica anche alla cartella non opposta? R. Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione si sono espresse in merito alla applicabilità del termine decennale di cui all’art. 2953 c.c. all’ipotesi in cui la pretesa creditoria si sia cristallizzata
+ Per saperne di più

Assegno divorzile

D. Fino alla concretizzazione della cessione degli immobili all’ex moglie: l’ex marito deve  comunque corrispondere l’assegno divorzile? R. Lo scontro sul fronte economico si chiude grazie a un accordo tra i coniugi. Lui cederà alcuni immobili a lei, a titolo di contribuzione una tantum. Fino alla concretizzazione della cessione, però, l’uomo dovrà comunque versare l’assegno
+ Per saperne di più

Risarcimento danni e rumori molesti nel Comune

D. Rumori molesti nei locali del Comune, è possibile il risarcimento? R. Riconosciuta la legittimità delle pretese avanzate da una donna. Da sciogliere il nodo relativo alla cifra. Non paiono sufficienti i 10mila euro stabiliti in appello. Ciò perché va tenuto presente non solo il peggioramento della qualità della vita lamentata dalla donna, ma anche
+ Per saperne di più

Disturbo del riposo delle altrui persone

D. Si può essere condannati in caso di urla con la figlia e inizio delle faccende domestiche alle 6 di mattina? R. L’imputata era solita iniziare le faccende domestiche in prima mattina, mettendo la radio a volume altissimo, e urlava contro la figlia, e, così, con i suoi inurbani comportamenti impediva il riposo delle persone
+ Per saperne di più