Coltivazione cannabis per uso personale

D. Coltivazione di cannabis per uso personale: la norma penale è incostituzionale?

R.  L’attitudine della coltivazione di cannabis ad innescare un meccanismo di creazione di nuove disponibilità di droga, quantitativamente non predeterminate, rende non irragionevole la valutazione legislativa di pericolosità di tale condotta.  La pronuncia in commento trae origine dalla questione di legittimità costituzionale dell’art. 75 del d.P.R. n. 309/1990 (Testo Unico in materia di disciplina degli stupefacenti), nella parte in cui non include tra le condotte punibili con sole sanzioni amministrative anche la coltivazione di piante di cannabis, ove finalizzata in via esclusiva all’uso personale della sostanza stupefacente.
Ad avviso del giudice rimettente, risulterebbe violato il principio di eguaglianza (art. 3 Cost.), sotto il profilo dell’ingiustificata disparità di trattamento fra chi detiene per uso personale una sostanza stupefacente ricavata da piante da lui stesso precedentemente coltivate (assoggettabile soltanto a sanzioni amministrative) e chi è sorpreso mentre ha in corso l’attività di coltivazione, finalizzata sempre al consumo personale (condotta che assume, invece, rilevanza penale). La Consulta, quindi, ha dichiarato non fondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 75 del d.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309 (Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza), sollevata, in riferimento agli artt. 3, 13, secondo comma, 25, secondo comma, e 27, terzo comma, della Costituzione, dalla Corte d’appello di Brescia. (Corte Costituzionale, sentenza n. 109/16; depositata il 20 maggio).

NON HAI TROVATO LA SOLUZIONE AL TUO CASO? ENTRA IN CHAT CON UN NOSTRO AVVOCATO

img chat

 

P.S. I nostri post tendono ad una informazione sulle novità giuridiche (tratti da sentenze della Corte di Cassazione, dalle sentenze dei Tribunali, dalle sentenze dei Giudici amministrativi, nonché, da riviste specializzate on line e di cui omettiamo il riferimento in ottemperanza al divieto di pubblicità occulta). Per una migliore comprensione e fruibilità l’impostazione scelta è quella di domanda e risposta. Si precisa, ove ve ne fosse bisogno, che nessun post rappresenta casi e/o domande sottoposte alla nostra piattaforma che rimangono riservati in ossequio al diritto di riservatezza.

Team AvvExpress

App. AvvExpress. Slide“AvvocatoExpress: un semplice tocco e tutto cambia!”